• sesaccia

SCUOLA DI SCRITTURA EMILIANA PER NON FREQUENTANTI - esercizio 2


{ Esercizio 2 o della sbobinatura: registrate una conversazione orale e sbobinatela, cioè trasformate una cosa sonora, fatta di suoni, in una cosa scritta, fatta di segni, cercando di far sì che si senta la voce della persona che parla.}


STAMATTINA ALL’EDICOLA DI PIAZZA DEL CRISTO, REGGIO EMILIA. SBOBINATURA MENTALE CON ACCENTI ALLA "C.D.C"

No, sgnureina, “Vita” an gh’è mia. Però se vuole l’è ‘rivê stamateina "MicroMega"… L’è sul Sessantotto. Mo lē l’ha mia fat al Sessantotto, l’è trop şovna. Che po’ l’ho fat gnan me il Sessantotto. A io fat tot prêma. Io nel Sessantotto fêva al militer, şe şe. Peinsa… al fêva şo, in Meridione, e m’iven mès a fer al centralinesta. Am mandeven ed chè ed là, dove i gheren i telefon di Stato. Am ricordi che andêva sovente a Potenza. Me steva lè, tót al dè tachè al telefon, perchè a Potenza j gheren i telefon di Stato. Am deven 10 lire al’ora. Mo ci pensa? 10 lire a l’ora vol dir che in una stmâna tuliva quarantacinquemilalire. Se g’peinsa jeren propria di bē sold. Anche alora chilor chi feven girêr i soldi pubblici eran di manica lerga, come adesa. Ahh quando uno al gestess i sold di êter l’è seimper ed manica larga. Quarantacinquemilalire. Per ‘na stmâna. Ahhhh, ieren propria di bē sold.

Tant per capir… il mio primo salario, quand a sun andê a lavurer… l’era ed şinquantamilalire. Mo per un meis eh. Tot n’eter lavōr. Mo insoma… Adesa l’e pez, per vuêter şoven. Però posia dir? Posia dir che non s’ofenda però? Vueter fev anca poc per cambier. Propria poc.